Il libro dei Baltimore – Joël Dicker

2088
Il libro dei Baltimore - Joël Dicker

Recensione di “Il libro dei Baltimore – Joël Dicker”:

A fine settembre 2016, edito da La nave di Teseo nella collana Oceani, è uscito l’ultimo libro del giovane ginevrino Joël Dicker, già autore de La verità sul caso Harry Quebert, che, pluripremiato da pubblico e critica e tradotto in più di trenta lingue, è sicuramente uno tra i più avvincenti romanzi gialli degli ultimi anni. La narrazione verte sulle vicende dell’autore letterario Harry Quebert, coinvolto nell’omicidio di una giovane amante, e del suo allievo Marcus Goldman, impegnato a scagionarlo dalla grave accusa. Oggi, quattro anni dopo, Dicker torna con Il libro dei Baltimore, un corposo romanzo che ha proprio Marcus come protagonista. L’autore racconta “Avevo l’impressione che, dopo 600 pagine passate in sua compagnia, di lui si sapesse poco, o non abbastanza, e mi resi conto che questo era un punto debole del romanzo. Ho riparato alla mancanza e mi sono rituffato nel racconto della sua vita, della sua famiglia e del suo passato” e rivela “Avevo cominciato a scrivere Il libro dei Baltimore ancora prima di finire La verità sul caso Harry Quebert e prima che fosse dato alle stampe. Poi è arrivato il successo, ma volevo far conoscere meglio Marcus, avevo voglia di sviluppare questo personaggio”.

Il libro dei Baltimore si annuncia come un altro romanzo ricco di suspense e colpi di scena, all’altezza del precedente. Narra di Marcus, ormai uno dei più famosi, se non il più famoso, scrittore americano. Ritiratosi nell’ameno paradiso di Boca Raton, in Florida, per lavorare al suo prossimo romanzo, rimarrà sconvolto dall’incontro con Alexandra, una volta suo grande amore, che lo riporterà a ripensare ad avvenimenti passati legati soprattutto ad un’oscura vicenda, che egli chiama la Tragedia. Marcus è profondamente tormentato e la sua unica via di salvezza sta nella scrittura. Tramite i vari flashback del protagonista verremo lentamente a conoscenza della storia dei Goldman divisi in quelli di Montclair – la sua famiglia, i poveri – e quelli di Baltimore, i ricchi. Ma nella ricostruzione di Marcus c’è qualcosa che gli sfugge: cosa è veramente accaduto ai Goldman di Baltimore? Qual è il loro inconfessabile segreto?

I temi affrontati dallo svizzero sono ben lontani dall’essere originali: la rivalità amorosa, il denaro e i malintesi. Ciò che maggiormente conferisce al romanzo una sembianza di thriller, nonostante i fatti siano ambientati in un tempo passato, è la fase di ricostruzione in cui il narratore si trova, rispetto alla storia della sua famiglia e alla sua storia personale. Il libro è costellato di avvenimenti man mano più drammatici che fanno sempre pensare che si sia detto tutto ciò che di tragico si potesse dire, ma no: la vera Tragedia si fa attendere.
Alla domanda su una possibile tetralogia per Marcus Goldman risponde così “Prima del successo avevo pensato a una tetralogia americana, ma non lo so. Quello che mi dirige è il mio desiderio. Il piacere che ci muove è molto importante, nessuno può togliercelo. Ecco perché, anche se i miei romanzi precedenti (cinque) sono stati rifiutati, non ho mai smesso di scrivere”.

Leggi le recensioni di chi ha acquistato il libro

Acquista il libro “Il libro dei Baltimore – Joël Dicker”

libraccioamazon

RASSEGNA PANORAMICA
Valutazione
Condividi
Articolo precedenteFine turno – Stephen King
Prossimo articoloIl potere è noioso – Alberto Forchielli

Joël Dicker

Joël Dicker è uno scrittore svizzero originario di Ginevra nato il 16 giugno del 1985. Figlio di una bibliotecaria e di un insegnante di francese è cresciuto a Ginevra, frequentando il Collège Madame de Staël, senza essere molto attratto dagli studi. All'età di 19 anni, ha preso lezioni di recitazione al Drama School di Parigi. Un anno più tardi è tornato a Ginevra per studiare legge, laureandosi nel 2010. Il primo romanzo scritto da Dicker è intitolato Gli ultimi giorni dei nostri padri e racconta la storia del SOE, un ramo segreto del Secret Intelligence Service. Terminata la stesura dell'opera nel 2009, inizialmente Dicker non ha trovato alcun editore disposto a pubblicarlo. Nel dicembre 2010, il romanzo ha vinto il concorso del Prix des Genevois Ecrivains, importante premio assegnato ogni quattro anni, riservato unicamente ad opere inedite. Successivamente, il titolare della casa editrice svizzera L'Âge d'Homme, Vladimir Dimitrijević, lo ha contattato dichiarando il proprio interesse per la pubblicazione del suo romanzo. Nel mese di giugno però, Dimitrijević è morto in un incidente stradale in viaggio verso Parigi. Nel 2011, viene finalmente pubblicato. In Italia sarà pubblicato nel 2015. Nel 2012 (in Italia nel 2013) viene pubblicato La verità sul caso Harry Quebert, un romanzo che è stato tradotto in 33 lingue ed è stato premiato con il Grand Prix du roman de l'Académie française nel 2012. Nel 2015 (in Italia nel settembre 2016) vede la luce il romanzo Il libro dei Baltimore, spin-off de La verità sul caso Harry Quebert. La volontà dell’autore, a quanto dichiara, era soprattutto quella di «dare piacere ai lettori, farli divertire e tenerli sulla corda. Avete presente Homeland, la serie tv? Vedi una puntata, poi un’altra, poi cominci a fare delle stupidaggini tipo vederne quattro di fila di notte così il giorno dopo non riesci a lavorare… La mia ambizione era ottenere lo stesso risultato con un libro».