Le donne erediteranno la terra – Aldo Cazullo

2341
Le donne erediteranno la terra - Aldo Cazullo

Recensione di “Le donne erediteranno la terra – Aldo Cazullo”:

Pubblicato a settembre 2016 da Mondadori all’interno della collana Strade blu, l’ultimo libro di Aldo Cazzullo è intitolato Le donne erediteranno la terra. Il nostro sarà il secolo del sorpasso. Il suo incipit deciso recita “Voi donne siete meglio di noi. Non pensiate che gli uomini non lo sappiano; lo sappiamo benissimo, e sono millenni che ci organizziamo per sottomettervi, spesso con il vostro aiuto. Ma quel tempo sta finendo. È finito. Comincia il tempo in cui le donne prenderanno il potere”. Di questo l’autore è convinto: viviamo nel secolo in cui avrà luogo il sorpasso definitivo della donna sull’uomo. Sulla sua pagina dedicata sul Corriere della Sera Cazzullo scrive “le donne sono troppo più brave a scuola, troppo più capaci di sopportare il dolore e i sacrifici, troppo più competitive per restare ancora indietro”. Ed infatti il cambiamento è ben visibile se si guarda anche solo alla sfera politica attuale: Berlino e Londra sono governate da due donne e, per la prima volta, una donna è vicina a sedere alla Casa Bianca. In Italia invece, nonostante il maschilismo ben radicato abbiamo molte donne in posizioni di primo piano. Ad esempio la sindaca della capitale, la presidente della Camera, l’astronauta più conosciuta.

In questo libro Cazzullo racconta numerose ed interessanti storie di donne passate e presenti, artiste o eroine, menti geniali che hanno saputo sacrificarsi per realizzare se stesse, per la famiglia o lottare per ideali di uguaglianza e libertà. Un esempio fra tutte è Giovanna d’Arco, arsa viva per non aver abbandonato l’abito maschile. Ma non solo, l’autore racconta anche le battaglie che le donne conducono quotidianamente contro le ingiustizie che le penalizzano e mostra con chiarezza i comportamenti e i mezzi che i maschi hanno usato per imporre la loro egemonia nei secoli. A questo riguardo Cazzullo nomina la scienziata Rita Levi Montalcini riportando una sua dichiarazione che conferma la forza e la tenacia delle donne: “non avrei mai vinto il Premio Nobel per la Medicina nell’86 se Mussolini non avesse emanato le leggi razziali, se il Duce non mi avesse costretto a chiudermi in una stanza sotto falso nome a lavorare come una matta senza poter uscire”.

In un’intervista lo scrittore dichiara che l’idea del libro è nata dall’amore: innanzitutto l’amore per la donna che ci ha messo al mondo. Poi parla della figlia Rossana, alla quale è dedicato il libro, e alle sue coetanee che conquisteranno e salveranno il mondo perché più in gamba dei ragazzi. La donna genera la vita e se ne prende cura, così sarà proprio lei a prendersi cura della terra e dell’uomo che non sono immortali.

Il libro ha avuto una presentazione il 20 settembre a Montecitorio, nella Sala Regina. All’evento hanno partecipato la ministra Maria Elena Boschi e la presidente della Camera Laura Boldrini che hanno colto l’occasione per parlare del dislivello di salari tra uomini e donne ed anche della violenza sulle donne.
Le donne erediteranno la terra è un libro che apre al confronto in una presa di coscienza per prospettive future più ottimiste.

Leggi le recensioni di chi ha acquistato il libro

Acquista il libro “Le donne erediteranno la terra – Aldo Cazullo”

libraccioamazon

RASSEGNA PANORAMICA
Valutazione
Condividi
Articolo precedenteLa mia rivoluzione: L’autobiografia – Johan Cruyff
Prossimo articoloVeri amici – Mates
Aldo Cazzullo

Aldo Cazzullo

Aldo Cazzullo è uno scrittore e giornalista italiano, nato ad Alba il 17 settembre 1966. Il padre svolgeva l’attività di bancario mentre la madre era socia in una ditta produttrice di etichette per vini. Già all’età di vent’anni si trasferisce a Roma dove inizia a lavorare per La Stampa, esperienza che ricorda con affetto “Ezio Mauro è stato mio direttore, dal 1992 al 1996, anni importanti per me. Io stavo agli esteri, non avevo trent’anni, dovevo imparare tutto. Giampaolo Pansa è il più umano tra i grandi vecchi. In un momento doloroso della mia vita l’ho trovato inaspettatamente vicino. Giorgio Bocca è il massimo come scrittura. Insieme con Enzo Bettiza. Sono i due che tengo sul comodino”. Dal 2003 diventa inviato speciale ed editorialista per il Corriere della Sera, dove si occupa principalmente di politica interna ed estera, storia, società e sport. Cazzullo ha raccontato gli avvenimenti storici più importanti degli ultimi 25 anni, sia italiani che internazionali come ad esempio il referendum del 1992 sull’Europa in Francia e quello in Grecia del 2015, la morte di personaggi quali Mitterrand e Lady Diana, le Olimpiadi di Atene, Pechino e Londra, il G8 di Genova, la morte di Papa Giovanni Paolo II e l’elezione di Benedetto XVI e quella di Papa Francesco, le elezioni di Cameron, Bush e Obama.   Oltre ai protagonisti della vita pubblica italiana ha intervistato Bill Gates, Steven Spielberg, Keith Richards e Don De Lillo. Nella veste di scrittore ha dedicato più di dieci libri alla storia e all’identità italiana sia criticandola come in Outlet Italia del 2007, sia difendendone la storia e le potenzialità. Ha superato le centomila copie con Viva l’Italia! del 2010 e Basta piangere! del 2013, le trecentomila con La guerra dei nostri nonni del 2014. Ha vinto numerosi e prestigiosi premi come il premio Estense ed i premi Fregene, Hemingway e Cinqueterre.