UN LIBRO SOTTO L’ALBERO

713

 

Novembre sembra essere trascorso in un lampo portando nuovi colori e profumi ed ecco che, quasi fossero trascorsi pochi mesi, le grandi città e i piccoli paesi cominciano a brillare come gioielli preziosi e l’aria del Natale arriva puntuale ad accarezzarci il viso. Alcuni lo amano, altri meno, comunque questo non cambierà il fatto che tra qualche settimana rivedremo parenti e amici vecchi e nuovi e, i più fortunati, riceveranno un piccolo segno del nostro affetto. La folle corsa ai regali di Natale elettrizza e sfinisce allo stesso tempo, forse troppo è il tempo che si trascorre alla ricerca del regalo perfetto immersi nei centri commerciali che, per l’occasione, diventano più gremiti e chiassosi del solito. Questo Natale è quindi ora di rispolverare le vecchie abitudini regalando un buon libro, perchè questo mese ne abbiamo davvero per tutti i gusti.

Dedicato a tutti gli appassionati di sport, quelli che ammirano il sacrificio, la tenacia e la voglia di arrivare, è doverosa la lettura di “ Volevo solo pedalare…ma sono inciampato in una nuova vita” del neo campione paralimpico Alex Zanardi con la collaborazione di Gianluca Gasparini, edito da Rizzoli. Un personaggio iconico, che racconta con serenità e soprattutto con autoironia gli anni successivi all’incidente automobilistico che ha cambiato irreversibilmente il suo approccio fisico e mentale alla vita.

Per gli amici o i parenti appassionati di cucina ( chi non ne ha?!), smettete pure di cercare il regalo perfetto: “Volevo la torta di mele. Piccolo viaggio sentimentale a tavola” di Vitoria Morgandi, edito da Franco Angeli, non è il solito libro di ricette e stupirà sicuramente chiunque lo legga. Sapientemente strutturato, il libro porta il lettore alla scoperta di squisite ricette tramite racconti di vita quotidiana e aneddoti sulla cucina d’altri tempi.

Un’ approccio decisamente diverso alla cucina ma non meno coinvolgente lo offre Dario Bressanini nel suo libro “ La scienza della carne, la chimica della bistecca e dell’arrosto” pubblicato da Gribaudo. L’autore dispensa consigli preziosi da svariati punti di vista, indispensabili per chi vuole conoscere davvero tutto riguardo “all’universo carnivoro” ed arrivare a cucinare una bistecca indimenticabile.

Per i numerosi amanti di Camilleri, non potrete sbagliare se sceglierete di regalare “ La cappella di famiglia e altre storie di Vigàta”, edito da Sellerio Editore. Otto racconti abientati cronologicamente in epoche molto diverse, raccontano le vicende degli abitanti di Vigàta, cittadina immaginaria della Sicilia già nota al grande pubblico grazie alle vicende del celebre personaggio nato dalla penna dell’autore, Il comissario Montalbano.

Passando alla narrativa d’oltreoceano, “Zero K” è l’ultimo romanzo di Don Delillo edito da Einaudi. Giudicato un capolavoro dalla critica americana, fa quello che un grande romanzo dovrebbe fare: tenere il lettore sulle spine. Lo fa affrontando un argomento che spaventa e affascina allo stesso tempo, la criogenesi, vale a dire il procedimento di ibernazione del corpo al momento della morte, nell’attesa che gli sviluppi della scienza gli consentano un giorno di poter rivivere.

L’ultimo libro da proporre per questo Natale è dedicato a genitori e figli. E’ “ L’arte di essere fragili: come Leopardi può salvarti la vita” scritto da Alessandro D’Avenia ed edito da Mondadori. Il libro affronta le problematiche legate all’adolescenza tipiche dei ragazzi d’oggi ma lo fa secondo il sapiente uso delle immortali parole di Giacomo Leopardi, come a testimonianza che i tempi cambiano ma in fondo si rimane sempre gli stessi.

Condividi
Articolo precedenteOrfani bianchi di Antonio Manzini