Serenata senza nome Notturno per il commissario Ricciardi- Maurizio De Giovanni

1363

Recensione di “Serenata senza nome Notturno per il commissario Ricciardi”:

Serenata senza nome Notturno per il commissario Ricciardi è l’ultima uscita della serie di gialli di Maurizio De Giovanni che ha come protagonista il commissario Luigi Alfredo Ricciardi. Questo curioso personaggio vive e indaga in piena epoca fascista nella Napoli degli anni Trenta. Questo periodo solitamente guardato di mal occhio perché preludio della Seconda Guerra Mondiale traspare dalle parole dell’autore, al contrario, come un periodo sereno, di grandi valori e di spinta verso il futuro.

Sullo sfondo della vicenda criminosa e di indagine che tiene il lettore con il fiato sospeso per 348 pagine, il commissario, sebbene dotato di quell’affascinante pizzico di arroganza nobile, si mostra umano, sentimentale e talvolta malinconico, elemento che coinvolge il lettore ancora di più e che viene apprezzato anche dai più amanti giallisti. La sua peculiarità segreta è la capacità di cogliere gli ultimi istanti della vittima, che sebbene non gli sia affatto utile al fine delle indagini, gli lascia una costante vena cupa e tristezza. In particolare in questo romanzo questa caratteristica è appesantita dal clima autunnale e dalla pioggia che sembra essere persistente. Per questa sua dote macabra al limite con la pazzia, il commissario è solo e isolato rispetto ai colleghi, che lo vedono quasi in combutta con il diavolo.

“(…) Torna a casa, Vinnie Sannino, ventidue anni dopo essere emigrato in America poco più che ragazzino. Ha avuto successo, è diventato campione di boxe dei pesi mediomassimi: un vanto del Regime, il simbolo vivente del maschio italiano nel mondo. Ma nell’ultimo incontro il suo avversario è morto, e lui non se l’è più sentita di continuare. Adesso è qui per inseguire l’amore mai dimenticato, la bella Cettina, che il giorno della sua partenza, al porto, aveva pianto in modo disperato. La vita, però, è andata avanti anche per lei, che ora è moglie e madre. Vedova, anzi: perché all’improvviso il marito, un ricco commerciante, viene trovato morto in un vicolo. Qualcuno lo ha colpito alla tempia. Un pugno, forse, simile a quello che, in una sera maledetta, Vinnie ha vibrato sul ring dall’altra parte del mondo. Per venire a capo del mistero, Ricciardi sarà costretto a un’indagine serrata, che lo obbligherà a uno sforzo per non farsi distrarre dalle sue vicende personali. (…)”

Dal libro, ecco il prossimo mistero da risolvere per il commissario Ricciardi: Vinnie Sannino è un campione della boxe che 22 anni prima è andato a cercare fortuna in America. Traumatizzato dall’aver ucciso con un pugno il suo avversario sul ring, torna in Italia per ritrovare il suo amore perduto, unica luce che potrebbe fargli dimenticare il dramma e mai dimenticata. Il tempo però è trascorso per tutti e la giovane è sposata e ha due figli. Dopo alcuni giorni dal rientro in patria del campione di boxe, il marito di quest’ultima viene trovato deceduto in seguito ad forte colpo sulla tempia. I sospetti si concentrano su Vinnie, ma il commissario Ricciardi non è convinto della sua colpevolezza e comincia ad indagare sulla morte dell’uomo. La pista seguita lo condurrà ad una “serenata senza nome”.

RASSEGNA PANORAMICA
Valutazione
Condividi
Articolo precedenteUn anno per un giorno – Massimo Bisotti
Prossimo articolo7-7-2007 – Antonio Manzini
Maurizio De Giovanni

Chi è Maurizio De Giovanni

Maurizio De Giovanni nasce e vive, tuttora, a Napoli. Scrittore di stampo giallista esordisce nel 2005 con un racconto avvincente che racconta le vicende del commissario Ricciardi, eroe attivo nella città di Napoli negli anni Trenta del Novecento. Questo libro da il via ad un ciclo di romanzi, pubblicati da Einaudi, che ha come protagonista lo stesso personaggio: Il Senso del dolore (2007), La condanna del sangue (2008), Il posto di ognuno (2009), Il giorno dei morti (2010), Per mano mia (2011), Vipera (2012), In fondo al tuo cuore (2014), Anime di vetro (2015) e l’ultimissimo Serenate senza nome. Nel 2012 da il via ad un altro ciclo noir il cui protagonista è l’ispettore Lojacono ambientato in tempi più recenti e pubblicato da Mondadori: Il metodo del Coccodrillo (2012), Buio (2013), Gelo (2014) e Cuccioli (2015). Nel 2014 Einaudi pubblica un antologia intitolata Giochi criminali in collaborazione con G. De Cataldo, D. De Silva e C. Lucarelli. Scrittore anche di altri romanzi, racconti e opere teatrali, questo autore è estremamente produttivo e amato da molti.

Autore amato e apprezzato non solo in Italia ma anche in Europa viene tradotto già in francese, inglese, spagnolo, russo e danese. Forse proprio per il suo successo ormai internazionale l’autore sceglie di riportare nel suo ultimo romanzo, Serenata senza nome, una storia di emigrazione, amore, dolore e speranza.

Il racconto scorre sciolto ed essenziale e in esso ogni personaggio, anche se marginale, assume caratteristiche proprie dando al romanzo un sapore quasi teatrale, non dimentichiamo a questo proposito che l’autore è anche uno scrittore di teatro. La ricchezza di particolari rende il contesto positivamente melodrammatico conducendo il lettore ad immedesimarsi in maniera piena ed emozionante. Le note noir sfiorano qua e là sfumature horror ma senza mai esagerare. Uno di questi tocchi è sicuramente determinato dalla peculiarità del commissario Ricciardi, ovvero quella di percepire gli ultimi istanti delle vittime delle morti sulle quali indaga. Questa sfumatura del personaggio lo porta in uno status vicino quasi alla follia, in una malinconia e in una tristezza ben percepibile dal lettore, che è comunque portato a sperare per l’eroico commissario, al quale è inevitabile non affezionarsi.

Intervista a Maurizio De Giovanni

Acquista uno dei libri di Maurizio De Giovanni

amazon