Secondo Matteo – Matteo Salvini

1630

Recensione di “Secondo Matteo”:

Secondo Matteo, sottotitolo Follia e coraggio per cambiare il Paese di Matteo Salvini, edito da Rizzoli, è un libro autobiografico, i cui coautori sono due ottimi giornalisti, scelti in maniera accurata: Matteo Pandini di «Libero» e Rodolfo Sala di «Repubblica». Scritto per farsi conoscere meglio e spiegare chiaramente le proprie idee per cambiare il paese, attraverso un linguaggio diretto senza troppi giri di parole che ben li si addice.

Racconta la sua vita, dalla passione infantile per un pupazzo di Zorro a quella adolescenziale per De André, dalle due comparsate TV prima della politica, alla divisa del Burghy conservata come reliquia del primo lavoretto giovanile, dalla fede milanista, al primo incontro con Gianfranco Funari, lui già celebre anchormen che dà diecimila lire di mancia allo sconosciuto Salvini che, in versione pony, gli ha recapitato una pizza a domicilio;  fino alla sfida di oggi, che lo vede come personaggio centrale nel centrodestra.

Nel libro sono contenute molte citazioni, dalla prima di Gramsci, a seguire quelle di Don Milani, Frederic Mistral, Rousseau, Salvemini e del Divino Ot Ora. Il libro pare avere una doppia funzionalità: da una parte quella di manifesto politico come alla pagina 223 dove l’autore spiega le ragioni per le quali Berlusconi non può più essere «il cardine della coalizione»; per la parte autobiografica invece ne esce un personaggio meno ruggente di quel che appare e più simpatico di quel che lo fa apparire la politica.

Presentando il suo libro all’Associazione della Stampa estera di Roma, l’autore ha specificato ai giornalisti che “quando saremo al governo, riscriveremo un’altra edizione, un conto è scrivere un libro, un altro conto è fare ciò che si è scritto”.

In un passaggio del libro, che esce il 5 maggio nelle librerie, Salvini descrive così le sue impressioni dei suoi viaggi a Mosca:

“Fui piacevolmente impressionato dalla sensazione di ordine e pulizia che si poteva respirare, per esempio, nella metropolitana di Mosca. Un vero museo, di una bellezza incredibile”.

Per il resto, Salvini ripete le sue posizioni su immigrazione, sicurezza, Europa, euro, campi rom, Islam, flat-tax.

«È giunto il tempo – per i popoli europei – di riprendere in mano il proprio destino glorioso e recuperare le radici culturali compromesse da grotteschi personaggi di dubbia caratura culturale e politica. È giunto il tempo della riscossa».

Il libro ha ottenuto molto successo nelle vendite sia in libreria sia negli gli store on-line, ma anche molte recensioni, sia positive che negative, sicuramente attese data la notorietà dell’autore e il suo coinvolgimento politico.

«Strategia del pescatore», perché «ho imparato che l’attesa paga molto più dell’impulsività, nonostante la mia immagine pubblica possa far pensare al contrario».

RASSEGNA PANORAMICA
Valutazione
Condividi
Articolo precedenteBestie da Vittoria – Danilo Di Luca
Prossimo articoloConcorso 500 funzionari Mibact dei beni e delle attività culturali e del turismo
Matteo Salvini

Chi è Matteo Salvini

Matteo Salvini nasce il 9 marzo del 1973 a Milano da genitori milanesi, figlio di un dirigente d'azienda e una casalinga. Si diploma al liceo classico "Manzoni" di Milano, e nel 1992 si iscrive alla facoltà di Storia dell'Università Statale,senza concludere gli studi; rimanendo iscritto per 16 anni, di cui 12 fuori corso, e fermandosi, secondo quanto riportato sul suo sito, a 5 esami dalla laurea; dichiara che sarebbe arrivata «prima la Padania libera della mia laurea»..

Durante gli studi lavora come fattorino di pizze a domicilio, poco dopo, al "Burghy" della Galleria Vittorio Emanuele. Iscrittosi alla Lega Nord nel 1990, nel 1993 viene eletto consigliere comunale di Milano, mentre l'anno successivo diventa responsabile cittadino del Movimento Giovani Padani. A seguire diventa segretario provinciale della Lega Nord a Milano e si sposa pochi anni dopo con una giornalista pugliese di una radio privata da cui divorzierà negli anni successivi, unendosi poi alla sua attuale compagna Giulia madre della sua bambina Mirta.

Diventa deputato al Parlamento Europeo: ottiene circa 14mila preferenze e viene eletto nella circoscrizione nord-ovest. Rimane a Strasburgo per due anni come membro della commissione per la cultura e l’educazione e inoltre come membro della Delegazione per la Commissione Parlamentare Congiunta tra Unione Europea e Cile.

La sua carriera politica prosegue animatamente, tra traguardi, controversie e fraintendimenti, le più note quella in cui, lancia una provocazione suggerendo di destinare alcuni vagoni della metropolitana esclusivamente ai milanesi e alle donne, per contrastare quella che viene definita come l'invadenza degli extra-comunitari; oppure durante la festa di Pontida viene ripreso dalle telecamere mentre canta un coro offensivo nei confronti dei napoletani, suscitando la disapprovazione di esponenti politici sia di sinistra che di destra. In seguito si scusa per l'accaduto, giustificandosi con il fatto che i canti intonati erano semplici cori da stadio e provando a minimizzare la vicenda.

Salvini ad ora è Deputato ed Europarlamentare, dal Dicembre 2013 è segretario federale della Lega Nord, e da poco anche scrittore.

Matteo Salvini presenta il suo libro

Acquista uno dei libri di Matteo Salvini

Compra-su-Amazon