Mio fratello rincorre i dinosauri – Giacomo Mazzariol

1274
Mio fratello rincorre i dinosauri

Recensione di “Mio fratello rincorre i dinosauri”:

“Insomma , è la storia di Giovanni, questa.
Giovanni che va a prendere il gelato.
– Cono o coppetta?
– Cono!
– Ma se il cono non lo mangi.
– E allora? Neanche la coppetta la mangio!”

Mio fratello rincorre i dinosauri. Storia mia e di Giovanni che ha un cromosoma in più” di Giacomo Mazzariol edito da Einaudi racconta la storia di Giacomo dall’ età di cinque anni sino ad oggi e di come l’annuncio dell’arrivo di un nuovo fratellino gli ha cambiato la vita.
5 anni, due sorelle e in arrivo un fratellino, dicono i genitori che sarà speciale. Un compagno di giochi, un complice pensa Giacomo, un supereroe! gli sceglie il nome: Giovanni. E poi nasce.

E Giovanni è sì speciale ma non come il fratello maggiore aveva immaginato.
Da qui comincia il loro viaggio assieme e la difficoltà con la crescita di farsi accettare al mondo anche con un componente in famiglia cosi “speciale”. L’autore ci racconta tutti quei passaggi, la paura di essere emarginati, l’allontanamento, le menzogne; la delusione di non poter fare tante le cose che aveva immaginato avrebbe fatto con il piccolo Giovanni ancora prima che venisse al mondo, come il correre assieme in bicicletta, condividere tutto. Ma con il tempo tutto muta e Giacomo capisce che avere questo fratello è un dono, una gioia, uno strazio, un regalo che il cielo gli ha mandato per capire tante cose dell’esistenza e grazie a lui è diventato quello che è.

Giacomo Mazzariol neo-scrittore diciottenne veneto ci presenta con questo racconto verità, la storia di una famiglia, la sua famiglia, che fa del sorriso la sua carta vincente e che nel diverso vede solo il bello. Con tenerezza e semplicità, in modo diretto e genuino ci racconta la storia di suo fratello Giovanni, dodicenne con un cromosoma in più.

RASSEGNA PANORAMICA
Valutazione
Condividi
Articolo precedenteIl cacciatore di aquiloni – Khaled Hosseini
Prossimo articoloUn anno per un giorno – Massimo Bisotti